Terrazza Marconi

Minimamare di Gio Ghiandoni

Giovanni Ghiandoni (nato nel 1971)

Quaranta paesaggi marini di un bambino di Senigallia

Proposto da Loris Cucchi

Ogni città ha un suo sguardo, un modo di esprimere quell’insieme di paesaggi e di persone, di luci e di ombre che danno forma e sostanza ad una comunità.

Per Senigallia quello sguardo è l’occhio di un fotografo che attraverso uno scatto riesce a raccontare insieme alla città, alla terra ed al mare anche un pezzo del proprio mondo interiore. Tante donne e uomini della nostra città continuano ad avvicinarsi a questa arte cercando attraverso l’obiettivo il modo più autentico per esprimere i propri sentimenti e dar forma alle proprie visioni.

   Ed è così che dal bianco abbacinante e dal nero catramoso affiora nelle immagini dei nostri grandi fotografi come Giovanni Ghiandoni, quasi in un sogno, l’anima più segreta e profonda di Senigallia.

Paolo Mirti